Gestione Economica Familiare e la Situazione delle Famiglie Oggi .

Il “contratto di matrimonio” veniva celebrato già nell’antico Impero Romano.

Il matrimonio, nel diritto romano, era essenzialmente una situazione di fatto da cui l’ordinamento faceva discendere gli effetti civili. I suoi presupposti erano la convivenza dell’uomo e della donna e la capacità di agire degli sposi, il conubium.

La parola matrimonio deriva dal latino matrimonium, unione di due parole latine: mater (madre, genitrice), munus (compito, dovere).

Il matrimonium era, nel diritto romano, un “compito della madre”, intendendosi il matrimonio come legame che rendeva legittimi i figli nati dall’unione. Analogamente la parola patrimonium indicava il “compito del padre” di provvedere al sostentamento della famiglia.

Non andiamo oltre con la ricerca di etimologie ma ci soffermiamo nel comprendere che il termine riferito all’unione nuziale, si sviluppò con il diritto romano.

A questo punto, ti chiederai cosa c’entra tutto questo  con la Gestione Economica Familiare?!

Centra eccome, con il contratto matrimoniale viene formata la famiglia che a tutti gli effetti si può considerare la prima Aziende che è stata formata al mondo.

La Famiglia o nucleo familiare dovrebbe essere gestito proprio come una Azienda, perchè appunto è un’ Azienda Familiare e come tutte le Aziende vive con il “flusso di cassa” basato sulle entrate mensili meno le uscite mensili, proprio come una Azienda.

Ora sai che la tua Famiglia è soggetta ad una Gestione Economica Familiare e ad un movimento del “flusso di cassa della famiglia“.

Ora però bisogna dire le cose come stanno!
La nostra economia familiare, genera sempre un movimento attivo anche dal nostro stesso consumo: questo si chiama indiretto.

La forza di consumo che tutti noi abbiamo è enorme ma non sappiamo “sfruttare” i potenziali benefici a nostro favore!

Ma allora, se noi non beneficiamo o non riceviamo questo indiretto e gestiamo il nostro consumo solo come consumo passivo, l’indiretto tanto ambito a  chi va?… O meglio ancora, chi se lo prende al posto nostro?!?

Comprendere la Gestione Economica Familiare è importante!  

Lo schema diventa questo: tutti noi conumatori diamo soldi in cambio di un prodotto o servizio (possiamo anche affermare che non sempre è buono) e qualcuno prende (incassa) l’indiretto economico che si genera in seguito alla nostra azione di acquisto.
Precisiamo che ci riferiamo al naturale movimento del mercato indiretto e non all’utile aziendale, che è normale vada all’Azienda e non a noi.

 

Perchè il Povero Rimane Povero? E Perchè il Povero Genera Povertà?

Sembra una frase buttata lì e di primo impatto può sembrare senza senso, ma purtroppo non è così: c’è un motivo perché avviene!

La nostra cultura ci insegna che è normale che sia così, infatti il povero viene educato a lavorare “per i soldi“ necessari per vivere .
Inizia a lavorare e darsi da fare, perchè se più si impegna qualcuno gli darà più soldi, la mante del povero vede solo un’alternativa: + fatica + soldi.

I soldi sono il compenso per avere venduto il proprio tempo ad altri!

Infine dobbiamo pagare per prendere il prodotto o servizio di cui abbiamo bisogno, ce lo hanno tramandato i nostri padri e nonni, ma non ci hanno preso in giro quando ce lo spiegavano!

A quei tempi non esisteva il consumismo non si generava un flusso economico così grande, oggi però i tempi son cambiati.

Ora siamo “schiavi” del mercato, siamo dei fantastici bancomat umani: i prodotti o servizi che acquistiamo in modo passivo ci costano il triplo e il nostro flusso di cassa non ci basta più, ecco perché rimaniamo poveri e tramandiamo povertà di generazione in generazione, inoltre, con la paura della povertà che tutti i giorni ci crea ansia siamo controllabili e succubi di chi tira i “fili”.

Passare da un Consumo Passivo ad un consumo Attivo, Porta Benefici alla Gestione Economica Familiare

Lo sai che puoi generare un beneficio economico dal tuo stesso consumo giornaliero divenendone “CAUSA” e non “EFFETTO”!.

La Piattaforma Commerciale Mondo del Consumo,  coordina e gestisce un Gruppo d’Acquisto composto da Consumatori organizzati: coordiniamo tante Piccole e Medie Imprese (PMI), eccellenti nella qualità dei loro prodotti e servizi Made in Italy, i quali beneficiano (con il nostro aiuto) di un mercato alternativo alla concorrenza della Grande Distribuzione.

Il nostro sistema propone la nuova Gestione Economica Familiare libera dagli obblighi della grande distribuzione per creare un Consumatore più consapevole e moderno!

Noi riteniamo che oggi il consumatore debba essere Consapevole, Preparato ed Informato (è importante sapere cosa si acquista e cosa si mangia) grazie al nostro sistema di consumo definito “Marketing di Massa dei Consumatori” (Mass Marketing Family Ciclico) siamo in grado di rendere il consumatore più consapevole e meno povero.

La cooperazione attiva di Consumatori in continua crescita, consapevoli ed uniti che sostengono “Mondo del Consumo , crea il ciclo infinito, “sfruttando” gli acquisti o il movimento personale è possibile per ogni consumatore crearsi sempre nuovi acquisti gratuiti all’infinito.

Una corretta Gestione Economica Familiare affiancata al supporto ed aiuto del “Mondo del Consumo ti può togliere il peso e l’ansia dell’arrivare a fine mese.

Essere “ricchi dentro” significa andare a dormire sapendo che i giorni sucessivi i soldi per le bollette, per l’affitto o mutuo e per le scarpe dei nostri figli, ci sono, e puoi riposarti con tranquillità.

Mondo del Consumo”  ti aiuta a ritrovare quella serenità che forse hai perso, scacciando la paura di rimane senza soldi.

La domanda che ti facciamo ora è: Perché non smetti anche tu di delegare ad altri ciò che è tuo?

Oggi, stai lasciando sul tavolo soldi tuoi dell’Indiretto, dai molto e hai poco in cambio!

Da solo non puoi, ma insieme a noi SI!

Con il Potere Economico Del Consumatore otterrai la Gestione Economica Familiare ottimale!

Mondo del Consumo